Consiglio di Stato, Sez. III, 5 febbraio 2018, n. 744

 

Giudizio amministrativo – Appello – Ricorso – Sottoscrizione con firma digitale errata – Nullità – Esclusione

L’atto di appello innanzi al Consiglio di Stato sottoscritto con firma digitale PAdES anziché PadES- BES, così come prescritto dall’art. 24 CAD, richiamato dall’art. 9, d.P.C.M. 9 febbraio 2013, si traduce nella violazione di norme tecniche dalla quale si produce una difformità che in virtù del raggiungimento dello scopo ai sensi dell’art. 156, n. 3 c.p.c. non è causa di nullità dell’atto processuale.