Corte di Cassazione, Sez. III, 30 maggio 2019, n. 14775

Industria e commercio – Acquisto di un bene – Difetto di conformità rispetto all’originale – Diritto alla riparazione o alla restituzione da parte del consumatore – Sussiste – Modalità – Individuazione

Qualora al momento della consegna di un determinato bene il compratore riscontra un difetto di conformità rispetto all’originale, il consumatore ha il diritto di richiedere la riparazione o sostituzione, ma qualora le predette soluzioni arrechino un eccessivo disagio o comportino un eccessivo onere o siano impossibili per il venditore, trova applicazione la riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto. Nell’ipotesi della riparazione o della sostituzione del bene, il venditore ha l’obbligo di adoperarsi, in modo tale che siano eseguite entro un lasso temporale congruo ma senza arrecare un notevole inconveniente al consumatore, tenuta nella giusta considerazione la natura del bene e la finalità per la quale è stato acquistato.