Corte di Cassazione penale, sez. IV, 1 luglio 2021, n. 25083

Delitti contro la persona – Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro – “Caporale” – Trasporto gratuito dei braccianti – Configurabilità del reato – Fattispecie

Si configura il reato di cui all’art. 603-bis c.p. qualora un “caporale” reperisca e trasporti i braccianti agricoli sul posto di lavoro agendo a supporto del datore di lavoro che, approfittando delle loro condizioni di bisogno, li sfrutti, a nulla rilevando che per le predette attività non abbia mai preteso alcun compenso dai predetti lavoratori. Nella fattispecie, i braccianti agricoli venivano reclutati tra cittadini stranieri irregolari in quanto clandestini.