Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, 18 marzo 2021, n. 5

Appalto – Lavori –  Gara – Consorzio stabile – Impresa consorziata –  Non designata ad eseguire i lavori –  Requisiti – Perdita – Sostituzione – Necessità

L’impresa consorziata di un consorzio stabile, non designata ad eseguire i lavori, essendo equiparabile ex art. 63, Direttiva 24/2014/UE e art. 89, primo comma, Codice dei contratti pubblici, all’impresa ausiliaria nell’avvalimento, deve essere sostituita dalla stazione appaltante qualora abbia perduto il requisito di partecipazione alla gara. Infatti, per gli effetti dell’art. 45, secondo comma, Codice dei contratti pubblici, i consorzi stabili sono costituiti tra imprenditori individuali, anche artigiani, società commerciali, società cooperative di produzione e lavoro che abbiano stabilito di operare in modo congiunto nel settore dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture per un periodo di tempo non inferiore a cinque anni, istituendo a tal fine una comune struttura di impresa.