Corte di Cassazione, sez. I, 5 dicembre 2023, n. 33939

Famiglia – Coniugi divorziati – Figlio maggiorenne – Economicamente non autosufficiente – Assegno di mantenimento – Spese straordinarie – Individuazione – Preventivo accordo – Funzione – Fattispecie

In presenza di un figlio maggiorenne economicamente non autosufficiente, il preventivo accordo tra i coniugi divorziati per determinare l’importo dell’assegno di mantenimento viene richiesto esclusivamente per le spese straordinarie connotate da rilevanza, imprevedibilità e imponderabilità che in quanto tali finiscono per esulare dal regime ordinario di vita dei figli. Ad ogni buon conto, viene sempre richiesta una adeguata comparazione tra il livello socio-economico di vita del nucleo familiare e l’interesse dei figli. Nella fattispecie, si trattava di un figlio maggiorenne economicamente non autosufficiente, studente universitario fuori sede, per il quale l’ex moglie e madre del predetto studente aveva richiesto all’ex marito il rimborso per le spese straordinarie sostenute con oggetto il canone di locazione dell’alloggio universitario e un soggiorno di studio all’estero, ovvero le spese mediche e la retta di un corso di equitazione.